Girlsgames123.it non è più disponibile qui. Prova invece girlsgames123.com.

Gaming: la differenza tra uomini e donne

Con buona pace dei troll che fecero esplodere nel 2014 il caso Gamergate, l'attacco ingiustificato contro le gamer donne, il mondo dei videogiochi è sempre più interessato alla metà del cielo femminile che si ritrova davanti a una console per svagarsi e divertirsi.


La verità è che le ragazze hanno sempre giocato con i videogiochi fin dai tempi del glorioso Commodore 64, ma solo in anni recenti gli sviluppatori e le grandi case di software hanno deciso di lavorare attivamente per far sentire a loro agio le donne che videogiocano in un contesto che invece è sempre stato sbilanciato verso i gamer di sesso maschile.

Giochi femminili e giochi maschili


Certo, esistono giochi pensati per il pubblico femminile: simulatori di make-up, di cucina, allevamenti di cuccioli virtuali. La sorpresa è che questi prodotti piacciono solo a un piccolo numero di utenti. Secondo la ricerca di Erin Hamilton, autrice di "The Girl Gamer Manifesto", la stragrande maggioranza delle videogiocatrici preferisce giochi che non hanno alcuna caratteristica "manifestamente femminile", come Civilization, World of Warcraft o The Last of Us - titoli popolarissimi fra i ragazzi.


Cambia solo l'approccio psicologico: nei dati dello studio del 2016 della Quantic Foundry, i maschi sono attirati dall'idea di poter distruggere oggetti e mondi liberamente e senza conseguenza, mentre le femmine cercano la completa immersione in un mondo diverso. Ecco perché ai primi piace il concetto del "first person shooter", come nella serie Call of Duty.

I dati degli studiosi sono tuttavia poco completi, perché molte ragazze che videogiocano online tendono a usare avatar e nickname neutri per non farsi riconoscere come donne: purtroppo, il Gamergate ha danneggiato il senso di fiducia nella comunità globale, e in tante preferiscono mantenere l'anonimato, sfuggendo quindi alle statistiche.


© 2018 Girlsgames123.it. All Rights Reserved.